“Terra Solidale”

16 giugno 2022

🔶 L’attesa al Pronto Soccorso, un esame diagnostico o una degenza in reparto sono situazioni disagevoli per un qualsiasi paziente, ma si trasformano in un vero e proprio ostacolo per chi si trova in una situazione di fragilità.

🔶 Le cosiddette barriere sanitarie persistono in due strutture ospedaliere su tre, strutture che non hanno cultura dell’inclusione e dell’accoglienza della persona con disabilità.

🔶 Importantissima, e da valorizzare, la figura del caregiver familiare (parente o familiare) nel rapporto medico – paziente con disabilità, sia essa fisica e/o cognitiva grave o di non autosufficienza.

🔶 Il progetto D.A.M.A., come protocollo di accoglienza e di gestione delle persone con disabilità gravi non autosufficienti con vari tipi di gravità, deve essere implementato in tutte le strutture ospedaliere, sia per gli accessi al pronto soccorso sia per quanto riguarda ricoveri programmati o visite specialistiche anch’esse programmate.

Intervengono:

👉 Alessandro Chiarini

Presidente Nazionale CONFAD

👉 Dott. Francesco Giovanni Manfredi

Dirigente Medico U.O. di Ortopedia e Traumatologia – Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari

Clicca sull’immagine per visualizzare il video

⤵️